L’avatar è un’immagine che fin dalla nascita del web ha accompagnato gli utilizzatori, rappresentandone l’utenza nelle comunità virtuali, identificandoli e definendo le “personalità”.

L’avvento dei social network ha mutato in parte il concetto di avatar, anche se oggi tutti ne abbiamo uno. La piattaforma social per eccellenza raccoglie più di un miliardi di utenti, tutti con un loro volto e un proprio avatar. Miliardi di faccine con cui Natalia Rojas ha creato una narrazione continuativa.

Faces of Facebook è un muro di foto dei profili, disposte cronologicamente in base alla data di iscrizione a Facebook. Milioni di pixel che si susseguono senza fine, che zoomando mostrano il volto umano del web. Partendo da Mark Zuckerberg si potrebbero intraprendere un viaggio di circa 36 anni prima di arrivare alla fine (ipotetica vista la quantità di nuovi utenti ogni giorno). Un progetto capace di mettere in luce, come spiegato dall’artista stesso, la natura umana, la contaminazione di culture, religioni e passioni. Un modo virtuale di cui facciamo parte anche noi, un log-in permette di rintracciarci facilmente.

Tags: